lunedì 15 ottobre 2012

LUNEDì SVEDESE VS LUNEDì ITALIANO


E' un pò che ci penso, ora ne sono convinta: il lunedì svedese mi piace!
Il lunedì italiano era una sorta di incubo.
Vi racconto perchè?
Qui ad Uppsala la nostra routine feriale è fuori dallo standard e molto dipende dal fatto che io non lavoro. I piccoli ed io ci svegliamo alle 7.30 e con grande calma e un pò di tv (purtroppo) si fa colazione con tazza di latte e biscotti e poi ci si prepara per essere a scuola alle 9. Il dottore si sveglia alle 6.30 perchè alle 7.30 deve essere già operativo e noi tre non lo vediamo ne sentiamo che si prepara... gli svedesi sono  "svegliarini" diremmo noi.
Il saluto del lunedì a scuola è sempre un pò problematico, specie per Koke che fa la cozza e non vorrebbe lasciarmi, Tommy è più grande e alla peggio mi chiede di salutarlo almeno 5/6 volte... io ci sto male ogni lunedì (perchè noi mamme non ci abituiamo mai a lasciare un figlio a scuola in lacrime) ma esco dal cancello fiduciosa perchè le maestre mi dicono che dopo 2 minuti gioca sereno con il fratello e i compagni.
A questo punto io proseguo verso il supermercato: fare la spesa senza i piccoli mi permette di scegliere bene frutta e verdura e non comprare cose in più o macchinine promesse all'ingresso, in cambio del loro stazionamento all'interno del carrello. Questa cosa l'ho scoperta e gustata solo qui.
I negozi in svezia aprono alle 10 e dunque dopo il dovere (la spesa) arriva il piacere: mi regalo un giretto in qualche negozio; se piove in centro commerciale, se non piove in centro centro e per le 11.30 torno a casa... che c'è sempre da fare, soprattutto dopo un weekend!
Se sono particolarmente di buon umore mi regalo anche una pausa in caffetteria, se invece ho un equilibrio traballino tiro dritta a casa; le caffetterie/pasticcerie sono gremite di placidi vecchietti con tanto di rivista/quotidiano e trovarsi soli ad osservare questo panorama non mette di buon umore, solo se dotati di humor tonico e sprintoso si può sostare :-)
Da quando ho realizzato che tra poche settimane torniamo in Italia, il mio shopping è ancora più motivato e finalizzato a trovare piccoli regalini per parenti ed amici o meglio ancora... addobbi di Natale! Io adoro gli addobbi di Natale! E stamattina è andata alla grande... e sapete dove li ho comprati? Ma è ovvio... all'Ikea!
Alle 14 riprendo i piccoli e rientriamo a casa per una buona merenda e perchè sono stanchi morti.
Ahimè, la tv è compagna di relax, meglio ancora un dvd Disney, però so che quando torneremo in Italia non sarà così, perchè entrambi faranno la nanna a scuola e gli impegni post-scuola sono diversi. Dunque cerco di non stressarli troppo e cercare di giocare con loro il più possibile.
Non vi sembra che come lunedì sia davvero sprintoso e positivo?

Ecco cosa accadeva in Italia....
La sveglia per i piccoli era alle 7 e alle 7.30 erano colazionati e pronti per andare a scuola (usufruivamo del servizio di anticipo) altrimenti mamma e papà non timbravano il cartellino in orario! Io e il dottore svegli invece alle 6.30 per essere pronti quando svegliavano i nani. Era una corsa contro il tempo, come tutte le mattine, ma si sa che il lunedì è più dura, dopo una sabato e una domenica senza orari tiranni! Il lunedì in banca è sempre una giornata tosta perchè ha due giorni di chiusura alle spalle ed emergono le problematiche dei giorni precedenti e, da non dimenticare, anche i clienti che incontriamo hanno addosso le difficoltà del lunedì...



Tra qualche settimana tutto ricomicerà all'italiana? Non proprio direi,  perchè io rientro a lavoro dopo aver consegnato le calze!!! Dunque ci prendiamo un pò di tempo per rientrare un poco alla volta nel ritmo italiano e per non cestinare le buone abitudini acquisite qui in Svezia. Di sicuro dobbiamo trovare un bel modo per fare una colazione più veloce, dobbiamo eliminare la tv e i giochi pre-scuola... ma non credo che ci saranno grossi problemi perchè la nostra casa è su tre livelli e hanno meno distrazioni a portata di mano!

Buon lunedì e alla prossima!

5 commenti:

  1. Fammi capire: è finita la vostra avventura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra una manciata di settimane torniamo in Italia. Io devo rientrare a lavoro per gennaio e mio marito ha scelto di rinunciare qui per non farmi perdere il lavoro..

      Elimina
  2. Eli Eli Eli !! Coooome ti capisco! Anche qui, a parte la fuga alle 7 per accompagnare NDR a prendere lo schoolbus, per il resto siamo tranquilli. Papà GMZ compreso! Tuuuutta un'altra cosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, ma quanto mi mancherà questa vita? Tante difficoltà certo, ma la qualità della vita è un'altra cosa!

      Elimina
  3. Io non voglio tornare in Italia... Nemmeno per Natale vorrei tornarci... Io qui ci sto troooooooooppo bene! Chissene del lavoro. Faccio la mamma qui e la volontaria a scuola! Qualità della vita a mille, senza contare la scuola dei ragazzi e il loro futuro!

    RispondiElimina